Hanami Blog

Anime in giapponese facili da capire senza sottotitoli

23 maggio 2013 11 CommentiAnime, Giapponese

Ho già parlato dell’importanza di guardare il più possibile qualcosa in giapponese senza l’utilizzo dei sottotitoli. I sottotitoli sono un grande aiuto per capire meglio la trama e i dialoghi, ma possono anche distrarre dall’ascolto.

Guardare un anime senza sottotitoli non è un’impresa così facile: non sono tutti facili allo stesso modo.

Per questo ho fatto una lista degli anime più semplici che mi è capitato di guardare, almeno quelli che mi ricordo bene (ne ho già visti fin troppi!)

Pensi che sia impossibile imparare un po’ di giapponese con gli anime? Ti sbagli di grosso! Certo, non puoi imparare interamente il giapponese solo in questa maniera, ma sono un ottimo materiale per imparare nuovi vocaboli e grammatica. Oltre al fatto che sono molto divertenti! Per maggiori informazioni ti consiglio di leggere la mia guida dedicata a imparare il giapponese dagli anime.

Non stupirti di trovare nella lista seguente tanti anime slice of life, incentrati sulla vita quotidiana dei personaggi: sono i più facili da capire in assoluto!

Ano Hana・あの花 (あの日見た花の名前を僕達はまだ知らない, ano hi mita hana no namae wo boku ha mada shiranai)

Ano Hana

(Nell’immagine superiore i personaggi principali, da sinistra a destra: Poppo, Jinta, Menma, Anaru, Yukiatsu e Tsuruko. A parte Jinta, gli altri son tutti soprannomi.)

Storia: La vita di cinque amici cambia con la morte di una loro amica, Meiko “Menma” Honma. I ragazzi crescono e le loro strade si dividono, finchè un giorno uno di loro, Jinta, non inizia a vedere il fantasma di Menma. La ragazza vuole che venga esaudito il suo desiderio. Non sa bene di che si tratta, ma dice che i vecchi amici d’infanzia devono riunirsi come un tempo.

Trama di fondo piuttosto semplice da seguire, forse qualche passaggio in giapponese non proprio chiaro. Mi è piaciuto molto, anche se senza dubbio è stato creato con lo scopo di far piangere ad ogni puntata… Da questo punto di vista trovo che l’anime sia veramente forzato, però in qualche maniera si integra abbastanza bene con la trama.

I personaggi li ho trovati ben caratterizzati, ognuno con una propria personalità. Ringrazio che ci sia un personaggio, forse un po’ banale ma divertente, come Poppo che spezza un po’ la drammaticità dell’anime. Ognuno in qualche maniera si sente il responsabile della morte di Menma, in ogni episodio emergerà sempre di più la psicologia dei personaggi.

Azumanga Daioh・あずまんが大王

Azumanga Daiouh

Storia: La routine di un gruppo di ragazze delle superiori. Non ho altro da aggiungere: non ha una trama!

Non è il più semplice della lista, però molte parole si ripetono ed aiuta molto a memorizzare alcuni pattern della lingua. Essendo tratto da uno 4-koma, ogni puntata è formata da diversi sketch a seconda dei temi trattati. Uno dei miei anime preferiti.

Chi’s Sweet Home・チーズスイートホーム

Chi's Sweet Home

Storia: Chi è un’adorabile gattina che, dopo essersi allontanata dalla famiglia, viene adottata da Youhei e la sua famiglia. In tutte le puntate vedremo Chi alle prese con le sue avventure quotidiane.

Credo sia l’anime più facile che abbia mai visto. Episodi lunghi solo 3 minuti, dialoghi molto semplici: anche senza capire ogni singola parola si capiscono benissimo le situazioni dalle immagini. Consigliato a chi conosce ben pochi vocaboli in giapponese. Sicuramente gli amanti dei gatti apprezzeranno questa serie.

Shirokuma Cafè・しろくまカフェ

Shirokuma Cafè

Storia: In una società in cui gli uomini ed animali convivono, l’anime tratta della vista quotidiana di questi animali parlanti. In questa serie troveremo un orso polare che gestisce un bar, un panda che lavora allo zoo, un pinguino e altri animali che frequentano lo Shirokuma Café.

Questo anime è solo dell’anno scorso e posso dire che non ero principiante. Però trovo che, a parte alcuni giochi di parole, sia davvero facile da capire. Inoltre tutti gli animali presenti nello show parlano lentamente. Consigliato se non trovi niente di adatto al tuo livello.

Anche se dalla trama non sembra, questo anime non è niente male. Non tutte le puntate sono divertenti alla stessa maniera, ma sono davvero geniali. Tutti gli animali hanno una propria personalità ben delineata e li trovo tutti ottimi: mi piace Orso bianco con le sue battute stupide, Panda perché è fin troppo ingenuo (oltre ad essere super pigro) e Pinguino, cliente fisso del bar. Non so quanto ti possa piacere il genere però consiglio di guardare almeno un paio di puntate prima di giudicare.

Tari Tari・タリ タリ

Tari Tari

Storia: La vita quotidiana di cinque ragazzi all’ultimo anno delle superiori, apparentemente senza nulla in comune, che si ritrovano uniti dalla musica.

La trama è semplice e lineare, abbastanza banale ed alcuni personaggi approfonditi ben poco, ma si lascia guardare piacevolmente. Soprattutto perché il giapponese parlato non è così difficile ed è una serie piuttosto breve.

Il tema della musica è solo un pretesto per unire i personaggi, in realtà solo le vicende personali dei ragazzi che muovono la storia. Lo dico solo per chiarire perché non si tratta di un anime incentrato solamente sulla musica.

Tamako Market・たまこまーけっと

Tamako Market

Storia: La serie segue la vita quotidiana di Tamako, una studentessa delle superiori che aiuta la famiglia nell’attività commerciale dei mochi (tipici dolci giapponesi di riso). Un giorno incontra uno strambo uccello parlante che prende residenza nella sua casa.

Anime della scorsa stagione autunnale. A parte qualcosa non sempre così chiaro, la trama e i dialoghi non mi sono sembrati così difficili da capire. Non rientra sicuramente tra i miei preferiti ma è piacevole da guardare anche solo per le belle animazioni.

Tokyo Magnitude 8.0・東京マグニチュード

Tokyo Magnitude

Storia: È centrata su Mirai e Yuki che, all’inizio delle vacanze estive, si recano ad una mostra di robot ad Odaiba, un’isola artificiale nella Baia di Tokyo. All’improvviso la metropoli viene colpita da un forte terremoto. Grazie all’aiuto della fattorina Mari incontrata per caso, Mirai riesce a trovare il fratellino ancora rimasto nell’edificio. I tre iniziano a viaggiare assieme per ritornare a casa dalle rispettive famiglie.

Lo sapevi che un grosso terremoto dovrebbe colpire Tokyo nei prossimi 30 anni? È su questa premessa che si basa l’anime che mostra quale sarebbe la distruzione della città. Tra l’altro questo anime è pure uscito nel 2009, due anni prima del disatro di Fukushima! Consiglio questo anime non solo per lo svolgimento della trama e i temi trattati, ma anche per il giapponese parlato. Non è molto difficile da capire, diversi vocaboli si ripetono in continuazione, c’è sia linguaggio formale che informale. Le uniche parti difficili da capire sono quando la giornalista in tv spiega i danni del terremoto o si fa uso di un linguaggio più tecnico. Per il resto è facile seguire l’andamento della trama.

Direi che con questa lista hai già parecchio materiale in giapponese da guardare!

Se non ti piace nessuno di questi anime è meglio cercarne uno adatto ai tuoi gusti: è più importante divertirsi che annoiarsi guardando un anime, è più semplice memorizzare nuovi vocaboli se delle scene ti rimangono impresse.

Hai qualche anime con dialoghi semplici da consigliare e da aggiungere alla lista? Lascia un commento!

11 commenti

  1. Ti ringrazio per i titoli, provvedo subito a procurarmi le puntate! :D

    • I più semplici tra quelli che ho consigliato sicuramente sono Chi’s Sweet Home e Shirokuma.
      Spero ti piacciano ^^

  2. Ci avrei giurato di trovare Azumanga e Shirokuma :)

    • E se c’era l’anime di Yotsuba mettevo pure quello :P Comunque non potevano mancare perchè sono davvero semplici, soprattutto Shirokuma.

  3. Aaaaaah appena ho letto Shirokuma Cafè mi è subito venuto in mente quel simpatico panda con la sua ciotolona di foglie di bambu!! XD devo chiederti però dove li trovi senza sottotitoli, perché conosco un sito davvero fornitissimo ma ci sono sempre i sottotitoli in inglese XP

    • Ti ho modificato il commento perché preferirei non venissero citati siti non legali sul blog.
      Per questo motivo ti rimando a cercare su Google tanto ormai si trova di tutto e di più e non credo che ci siano particolari difficoltà.

      E comunque, se non si riescono a disattivare i sottotitoli, puoi sempre coprirli in qualche maniera.

  4. Grazie =) scusami hai ragione, è l’abitudine (cattiva) di parlarne sempre. Farò una ricerchina =)

  5. C’è anche l’anime K-On per chi non lo conoscesse. Cercatelo su Wikipedia per averne un’idea, l’ho visto ed è molto bello, è in giapponese, sottotitolato in italiano.

  6. mi potete dire dove posso guardare questi anime solo in giapponese senza sottotitoli? io su internet trovo solo alcuni spezzoni… ci sono anime come ano hana che mi piacerebbe tantissimo vedere ma non ci riesco D:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi un avatar personalizzato? Registrati su Gravatar