Hanami Blog

Colori in giapponese: 白 (shiro, bianco) e 黒 (kuro, nero)

28 marzo 2014 Lascia un commentoGiappone, Giapponese
白・黒

Ritorniamo ancora una volta ad analizzare i colori nella cultura giapponese. Dopo il rosso e il blu, concludiamo i colori fondamentali del Giappone con il bianco (白・しろ, shiro) e il nero (黒・くろ, kuro).

Il nero ha origine dalla parola 暗い・くらい (kurai: scuro, buio), per questo è associato a tutto ciò che è oscuro come il mistero, la morte, il male. Al contrario il bianco è associato alla purezza, al bene, alla lealtà. I pellegrini indossano abiti di questo colore per rituali di purificazione.

Il bianco ha la sua origine da 白し・しろし (shirashi), oltre ad indicare il colore aveva il significato di chiaro, ben visibile. La parola 著しい・いちじるしい (ichijirushii: notevole, distinto…) in origine era いちしるし (ichishirushi), questo しるし shirushi (o しろし shiroshi, la radice è la stessa, cambia solo una vocale) indicava qualcosa di distinto, chiaro. Questo discorso è valido anche per altre parole in giapponese, come 目印・めじるし (mejirushi: segno): quel “しるし” ha lo stesso significato.

Il bianco e il nero ricorrono nei matrimoni tradizionali: lo sposo si veste di nero con delle decorazioni bianche mentre la sposa si veste con un abito bianco.

Matrimonio giapponese

Matrimonio tradizionale giapponese, notare i colori di buon auspicio bianco e rosso

C’è da dire che entrambi i colori simboleggiano anche il lutto. Il Giappone aveva ereditato dalla Cina la simbologia del bianco come colore del lutto, era il colore utilizzato per gli abiti del funerale. Poi, a partire dal 19° secolo, fu introdotta dall’Occidente l’usanza di vestirsi di nero ai funerali. Il cordoncino della busta delle offerte del funerale, chiamata 香典・こうでん (kouden), è nero e bianco.

La busta delle offerte del funerale Kouden

La busta delle offerte per il funerale Kouden

Non sempre il nero ha un’immagine così negativa, è associato anche alla lealtà (come il bianco) o ha altri significati che ha preso con il tempo come la serietà, l’eleganza o il lusso. Le divise maschili sono di questo colore per comunicare serietà, il packaging di alcuni prodotti è nero per indicare un prodotto di prima qualità.

Non abbiamo ancora finito: il nero può simboleggiare l’esperienza e il bianco l’inesperienza. Nelle arti marziali il nero è il colore della cintura dei maestri, il bianco dei principianti. Ritornerò su questo tema più avanti.

Espressioni e parole

Sono tante le parole formate da questi due colori, vediamo qualche esempio per ognuna. 黒, oltre a riferirsi al colore, indica qualcosa di nascosto, oscuro, sinistro, sporco.

  • 黒・くろ, kuro – Nero/Colpevole
  • 黒白・こくびゃく, kokubyaku – Giusto (白) e sbagliato (黒), il bene e il male
  • 暗黒・あんこく, ankoku – Oscuro, tenebroso
  • 黒板・こくばん, kokuban – Lavagna
  • 黒星・くろぼし, kuroboshi – Sconfitta
  • 黒子・くろこ, kuroko – Assistente di scena vestito di nero nel teatro kabuki (non conosco l’opera, ma credo che anche il manga 黒子のバスケ possa essere interpretato con qualcosa di “nascosto” “dietro le quinte”)
  • 腹黒い・はらぐろい, haraguroi – Malvagio
  • 黒いうわさ, kuroi uwasa – Una diceria sinistra, scandalosa

白 ha significati opposti al nero, indica qualcosa di buono, innocente, pulito e, come abbiamo visto, conserva il significato originario di distinto, netto, preciso.

  • 白・しろ, shiro – Bianco/Non colpevole, innocente
  • 告白・こくはく, kokuhaku – Confessione, dichiarazione
  • 空白・くうはく, kuuhaku – Spazio bianco, vuoto
  • 白紙・はくし, hakushi – Foglio bianco
  • 白星・しろぼし, shiroboshi – Vittoria

Mentre scrivevo questo articolo mi sono chiesta se le due parole 玄人・くろうと (kurouto: esperto) e 素人・しろうと (shirouto: dilettante) hanno a che fare con i due colori. Iniziano con くろ (kuro) e しろ (shiro), proprio come la lettura dei due colori, pur non condividendo gli stessi kanji. Tutto ciò non è una coincidenza, dopotutto abbiamo visto che tra i significati figurano l’esperienza e l’inesperienza.

Si dice che nel periodo Heian si utilizzasse la parola 白人 (しろひと, shirohito) per indicare gli artisti che non avevano molta esperienza, perché avevano il viso dipinto di bianco. Con il tempo il kanji cambiò in 素 (banale, ordinario) per indicare qualsiasi persona senza esperienza.

Di significato opposto è la parola 黒人 (くろひと, kurohito), indica una persona esperta, diventata con il passare del tempo 玄人. Il kanji 玄 è una sfumatura del nero tendente un po’ al rosso, in diverse parole indica qualcosa di “profondo”, in alcuni casi una “profonda comprensione”.

È lo stesso kanji contenuto in 玄関 (genkan), entrata. Generalmente con questo termine si indica l’entrata di una casa, in origine 玄関 era usato per indicare le entrate dei templi. Non era riferito al colore nero ma all’altro significato: 玄関 era l’entrata per una “via ancora più profonda”, per arrivare all’illuminazione.

C’è ancora un’altra versione sull’origine di 玄人 e 素人: nel gioco del Go i giocatori esperti utilizzavano le pedine nere, quelli meno bravi le pedine bianche. Anche questa è un’interpretazione interessante!

Il gioco del Go

Spero che questo articolo ti sia piaciuto. Hai qualcosa da aggiungere sui colori bianco e nero nella cultura giapponese? Lascia un commento!

Immagini: Imahinasyon Photography, trendscout::, luis de bethencourt, Wikimedia

Fonti: Chiebukuro, Wikipedia, 語源由来辞典,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi un avatar personalizzato? Registrati su Gravatar