Hanami Blog

Letture on e kun: come funzionano?

18 febbraio 2015 3 CommentiGiapponese, Kanji

In questo blog non ho ancora parlato di uno dei temi considerati importanti dalla maggior parte degli studenti (e degli insegnanti) di giapponese. La ragione di questa mancanza è che puoi imparare a leggere in giapponese senza neanche conoscere la differenza e il funzionamento delle due letture (dico per davvero!)

Anche se non è necessario conoscere questo aspetto nel dettaglio, ho deciso di trattare questo argomento per chi non sa bene come procedere con il proprio studio e per capire meglio che cosa sono.

Perché il giapponese ha due tipi di letture?

Possiamo dividere le letture di ogni kanji in due gruppi: le letture on, derivate dal cinese, e le letture kun, le letture proprie del giapponese.

In origine il Giappone aveva già una propria lingua ma ancora non aveva un sistema di scrittura, così decise di importare quello utilizzato in Cina. Importare un sistema di scrittura e adattarlo a una lingua diversa non è stato facile: i giapponesi, oltre a dare una lettura alle parole che avevano nella propria lingua (lettura kun), decisero anche di importare (sarebbe meglio dire “adattare”) i suoni cinesi assieme ai vari kanji (lettura on).

Ecco spiegate le tante letture di ogni kanji. Tieni conto anche che ogni kanji può avere più di una lettura on e kun perché sono state importate o inventate nel corso dei secoli.

Quando si usa la lettura on e quando la lettura kun?

C’è una regola che può aiutarti nella maggior parte dei casi, ma non sempre è valida: quando un kanji si trova assieme ad altri kanji si usa quella on; se il kanji è accompagnato da okurigana o si trova da solo si usa la kun.

Facciamo un esempio con il kanji 一 (uno): si usa la sua lettura “ichi” in composti di parole come 一月・ichigatsu (gennaio) o 一番・ichiban (primo), visto che si trova assieme ad altri kanji; mentre la lettura kun “hito” si usa in parole come 一つ ・hitotsu (uno, contatore giapponese).

Sembra che non ci sia alcun problema ad applicare questa regola, invece non è così raro incontrare parole che non seguono la regola.

Alcune parole comuni sono combinate da letture kun-kun e non on-on come ci si potrebbe aspettare, come in 靴下・kutsushita (calze), 出口・deguchi (uscita), 花火・hanabi (fuochi d’artificio). Altre invece mescolano letture on e kun come 火曜日・kayoubi (martedì) o 場所・basho (luogo).

Persino tra i kokuji, i kanji di origine giapponese e non importati dal cinese, esistono delle eccezioni. Dai kokuji ci si potrebbe aspettare che abbiano solo letture kun, invece possono averne anche una on: è il caso del kanji 働 (lavorare) a cui è stata assegnata la lettura on “dou“.

Se non conosci le parole è difficile prevedere quale delle due letture utilizzare. Inoltre devi tenere conto anche di eventuali variazioni di pronuncia che una lettura prende a seconda dei composti per rendere più semplice la pronuncia. In 一緒・issho (insieme) l’altra lettura on di 一 “itsu” si modifica, つ diventa il piccolo っ per raddoppiare le consonanti (dopotutto sarebbe difficile pronunciare itsusho!)

In altre parole le consonanti diventano sonore, come la parola 手紙・tegami (lettera), il cui kanji 紙 kami cambia la pronuncia in gami (questo processo è detto rendaku).

E non è finita qui! Nel giapponese non mancano composti di parole che prendono letture diverse da quelle on e kun. È il caso di 一人・hitori (una persona) e 二人・futari (due persone): il kanji 人 non prende mai la lettura “ri“, a parte in queste due parole. Se cerchi il kanji su un dizionario giapponese non troverai nell’elenco la lettura “ri“, anche se solitamente i dizionari online in inglese mettono questa lettura tra le kun.

Ci sono dei kanji di cui puoi intuire la lettura se conosci bene i composti fonetici. In giapponese molti kanji sono costituiti da composti fonetici, ovvero sono costituiti da una parte che indica il significato del kanji e da una parte che indica il suono.

Per esempio è il caso di 寺 (tempio) che presta la lettura on “ji” a kanji come 時 (tempo) e 持 (tenere): questi due kanji hanno come lettura on “ji”. Solo il radicale sulla sinistra distingue questi kanji, mentre a destra hanno la parte in comune per indicare la pronuncia.

Ma non sempre è d’aiuto questo “trucco”, bisogna conoscere se effettivamente un composto dà o meno la lettura ad altri kanji. E allora come fare per imparare le letture dei kanji? È più semplice di quello che credi.

Non è necessario conoscere a memoria ogni lettura

Molte delle letture che trovi sul tuo dizionario sono inutili da conoscere, o perché compaiono in parole poco usate, o perché sono usate in parole ormai praticamente obsolete.

In più abbiamo visto che non sempre è possibile prevedere quale lettura dare alle parole, non è raro trovare parole composte che usano le letture kun o un misto tra on e kun. È inutile perdere tempo per imparare a memoria elenchi con decine di letture se poi non sai applicare la lettura giusta. Non è un metodo né efficace né utile, però è il metodo più semplice per farti passare la voglia di studiare il giapponese.

letture下

Hai veramente voglia di studiare tutte queste letture a memoria?

Nota: i dizionari segnano le letture on in katakana e quelle kun in hiragana. Se non trovi la dicitura per distinguere le letture fai caso al sillabario con cui sono scritte.

Impara semplicemente le parole

Tutto questo articolo per concludere con un banale “impara semplicemente le parole”. Hai letto bene: non hai bisogno di conoscere altro per imparare la pronuncia dei diversi kanji, non hai bisogno di preoccuparti di letture on, kun e altre informazioni. Inizia a leggere testi in furigana e pian piano imparerai le diverse letture e a capire come funzionano.

Per farti un esempio vedrai il kanji 水 (acqua) in diversi contesti, a forza di leggerlo diventerà automatico associare la lettura sui nelle parole 水曜日・suiyoubi (mercoledì) e 香水・kousui (profumo) e mizu in 水 (acqua). A forza di incontrare lo stesso kanji decine di volte imparerai naturalmente le sue letture e le sue eccezioni con molta meno fatica rispetto a imparare un elenco a memoria.

Conclusione

Non ho mai fatto caso a quale lettura fosse on o kun, ho imparato le varie letture solamente leggendo. Certo, mi capita di trovare parole che non so bene come leggere o di cui mi dimentico la lettura, ma è una cosa perfettamente normale. Persino ai giapponesi capita di sbagliare le letture, e comunque imparare a memoria ogni lettura non è d’aiuto in ogni caso. Più leggi in lingua e più diventerà semplice imparare ogni lettura. E se usi programmi tipo Anki sarà ancora più semplice memorizzare nuove parole.

Anche l’ebook Ima Kanji ti può essere d’aiuto per memorizzare le letture più importanti di più di 2000 parole, oltre a imparare i 1025 kanji più utili che compongono l’80-90% dei testi.

Scopri l'ebook Ima Kanji

Se hai ancora qualche dubbio su questo argomento lascia un commento qui in basso, ti aspetto!

3 commenti

  1. anega tanega

    26 febbraio 2015

    Ahahahaha! 手紙 in cinese è la carta igienica :D
    Per fortuna all’università (a quanto mi hanno detto) non studiano i miliardi di letture per ogni singolo Kanji, ma lo fanno nel contesto della parola. Fortuna!

    • Lo so cosa significa 手紙 in cinese :P Ed è davvero curioso vedere che ci sono differenze di significato tra cinese e giapponese, non trovi?

      Beh, per fortuna, imparare tutte le letture sarebbe un enorme spreco di tempo!

      • anega tanega

        27 febbraio 2015

        La mia parola preferita con significato diverso tra cinese è giapponese è 勉強, che in giapponese, come ben sai, vuol dire ‘studio’, mentre in cinese ‘forzare, costringere’, oppure ‘costretto, artificioso’.
        Assurdo, anche se forse nemmeno troppo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi un avatar personalizzato? Registrati su Gravatar